Search

Sagra del Porcino e della Chianina a Castelfranco di Sotto

Manifestazione per la tutela dei prodotti della tradizione toscana

A seguito del grande successo dell’edizioni precedenti, ritorna con grande attesa la Sagra del Porcino e della Chianina a Castelfranco di Sotto (Pisa), una delle sagre d’autunno più importanti in Italia.

Si tratta di una manifestazione estremamente sentita non solo dai pisani, ma anche da un numero di turisti provenienti da diverse località che ogni anno si recano puntuali all’evento per riscoprire i sapori della toscana, assaggiare alcuni prodotti tipici del territorio conservando l’antica tradizione culinaria della regione.

L’appuntamento, promosso dal Circolo ARCI in collaborazione con l’Azienda Agricola Francioni, è previsto per sabato 14 ottobre e continuerà per quattro fine settimana consecutivi, fino al weekend del 4 e 5 novembre.

Un menù gustoso vi attende

Come si diceva, lo scopo della manifestazione è quello di celebrare i prodotti gastronomici del territorio, esaltandone le eccellenze. Difatti, tutti gli alimenti che saranno presentati sono da considerarsi a chilometro zero e si basano totalmente sulle antiche ricette della tradizione..

Qualche esempio? La pasta al germe di grano prodotta dall’Antico Pastificio Morelli, i freschissimi funghi porcini conditi con l’olio extravergine d’oliva del Frantoio Sanminiatese, il tutto accompagnato da dell’ottimo vino Chianti delle Cantine di Montalbano.

Qual è il significato di valore della Sagra

Ciò che distingue la Sagra del Porcino e della Chianina a Castelfranco di Sotto da tutte le altre manifestazioni gastronomiche è l’intento con cui da diversi anni ormai viene proposta. Il valore aggiunto è dato dalla presenza di prodotti autoctoni, come la carne Chianina che, allevata nella pianura toscana è conosciuta in tutto il resto del mondo ed elogiata anche nell’antichità.

Non lo sapevate? Pensate che è stata citata persino da alcuni scrittori latini, tra i quali Plinio il Vecchio, che la definì “Bos Magnus et Albus”. Oltre alla bistecca di Chianina, ottimo il roast-beef da accompagnare con rucola, grana e gli immancabili porcini.

Il luogo dell’evento e l’iniziativa sociale

La manifestazione avrà luogo presso la tensostruttura invernale del Circolo ARCI di Castelfranco di Sotto. L’ingresso alla Sagra sarà in Via Enrico Fermi n. 1, mentre gli stand gastronomici verranno aperti la sera dalle 19:30 e la domenica anche pranzo a partire da mezzogiorno. Si ricorda che parte del ricavato andrà devoluto in beneficenza a favore del progetto a distanza “Il cuore si scioglie”, insieme ai soci Valdarno Inferiore Unico Firenze.

Cosa fare in città oltre alla sagra

Se avete del tempo a disposizione, dopo aver preso parte alla sagra, potreste fare una passeggiata per il grande mercato lungo le vie del centro storico. Qui, oltre ad ammirare le meraviglie dell’antica borgo, con i tradizionali violetti illuminanti, troverete un ricco mercato agricolo e un mercatino dell’artigianato pronti ad intrattenervi per tutta la domenica del 29 ottobre.

Ma c’è di più… Verrete accolti da una straordinaria attività di animazione che si esibirà per tutto il mese con street band, diversi artisti di strada e addirittura qualche trampoliere. Se poi, siete in compagnia di bambini, irrinunciabile sarà una visita al Festival del Libro con una sezione didattica dedicata appositamente all’infanzia.

Per avere maggiori informazioni circa l’evento, vi consigliamo di dare un’occhiata alla pagina Facebook della Manifestazione, che troverete al seguente link.

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close