Search

Albero di Natale in Piazza San Pietro, origine e significato

Tradizione dell’albero di Natale in Piazza San Pietro

Mancano ormai pochi giorni a Natale, le vie si riempiono di luci e di colori per la festa più attesa dell’anno. Nelle piazze di diverse città è presente da qualche giorno l’albero di Natale, una tradizione irrinunciabile: fra queste vi è piazza San Pietro, una delle piazze più belle d’Europa. Ma com’è nata questa tradizione? E quando è stato posto il primo albero? Scopriamolo insieme!

Roma, a piazza San Pietro arriva l'albero di Natale: donato dal Friuli  Venezia Giulia - Corriere.it
roma.corriere

Storia dell’albero di Natale

La storia dell’albero di Natale è piuttosto complessa e non è semplice risalire alle sue antichissime origini: alcuni sostengono che la tradizione sia nata nei paesi nordici, in particolare il 24 Dicembre quando festeggiata la festa di Adamo ed Eva in Germania. L’abete veniva considerato infatti l’albero del paradiso e i frutti simbolici pendevano dai suoi rami.

Per i druidi, ovvero i sacerdoti dei Celti, l’abete era un importante simbolo di lunga vita proprio perché è un albero sempreverde: già da allora infatti gli abeti venivano tagliati e addobbati con nastri, campane e animali votivi per ottenere il favore degli spiriti. In seguito sembra che anche i Vichinghi seguissero il culto dell’abete rosso, considerato in grado di esprimere i poteri magici.

Altri sostengono che il primo albero di Natale fu allestito nel 724 dopo Cristo da San Bonifacio, vescovo e martire. La leggenda narra che San Bonifacio un giorno incontrò alcuni pagani intenti a svolgere un rito al dio Thor: questo comportava il sacrificio di alcuni bambini davanti ad una grande quercia. San Bonifacio urlò “Questa è la vostra Quercia del Tuono e questa è la croce di Cristo che spezzerà il martello del falso dio Thor” e iniziò a colpire la quercia con un’ascia per fermarli. Quindi si alzò improvvisamente un forte vento e l’albero si spezzò definitivamente: dietro la quercia vi era un giovane abete verde.

San Bonifacio allora rivolgendosi nuovamente ai pagani, affermò che quell’albero sarebbe stato il loro albero sacro: rappresentava infatti il legno della pace, segno di una vita senza fine poiché sempreverde e la sua forma triangolare era il simbolo della trinità. In seguito la tradizione cattolica si diffuse in tutta la Germania e immigrati tedeschi successivamente la portarono anche in America.

L'Albero di Natale: una Tradizione dalla Storia Antichissima – Vanilla  Magazine
vanillamagazine

Albero di Natale, dove è stato ospitato per la prima volta e quando

La prima città che secondo la storia ospitò il primo albero di Natale fu Tallin, in Estonia, nel 1441: si racconta infatti che fu eretto un grande abete nella piazza del Municipio dove uomini e donne ballavano insieme alla ricerca dell’amore. In seguito questa usanza fu ripresa in Germania a Brema nel 1570 dove fu posto un albero decorato con noci, datteri e mele.

Ad oggi è un’usanza molto amata in tutto il mondo: in alcuni paesi molti preferiscono acquistare degli abeti coltivati appositamente per questo periodo, altri invece optano per un abete sintetico da utilizzare ogni anno. Gli addobbi da porre sull’albero di Natale sono fra i più vari: palline colorate, nastri, ciondoli, alcuni utilizzano perfino delle fotografie e l’immancabile stella posta nella punta dell’albero che rappresenta la stella cometa, anche se ormai sono comuni altre decorazioni, ad esempio un fiocco rosso.

Fare l'albero di Natale: da dove nasce la tradizione e curiosità
stylecult

L’albero di Natale in piazza San Pietro

In ogni caso, la tradizione dell’albero di Natale è ormai diventata irrinunciabile. Come sottolineato prima, in diverse piazze si stanno già allestendo gli alberi di Natale, come ad esempio in piazza San Pietro. Il primo albero di Natale in questa piazza fu collocato nel 1982 per volontà di Papa Giovanni Paolo II: egli infatti fece mettere un grande abete decorato al centro del colonnato del Bernini.

Quell’abete era stato donato da un contadino di origini polacche, che da solo lo trasportò sul suo camion fino a Roma. Da quel momento in poi ogni anno si ripete la tradizione dell’albero di Natale in piazza San Pietro: ai piedi dell’obelisco viene posto il presepe e alla sua destra un albero, ogni anno donato da diverse parti d’Europa.

Quest’anno è da poco arrivato a San Pietro l’albero di Natale: alto 28 metri, di 113 anni, rimarrà fino al 9 Gennaio 2022. Si festeggia quindi il quarantesimo albero di Natale in piazza San Pietro: l’abete proviene dal Trentino, dalle Gestione Forestale Sostenibile del Gruppo Territoriale PEFC certificata.

La tradizione suscita però anche qualche polemica: c’è chi si chiede se sia davvero necessario ancora nel 2021 sradicare un albero secolare, che potrebbe vivere fino a 600 anni e dall’immenso valore naturalistico per addobbare una piazza, seppur tra le più famose al mondo. È pur vero che l’albero deriva da coltivazioni specializzate ma sfortunatamente nessuno di questi alberi viene ripiantato alla fine delle feste, poiché questo comporterebbe degli alti costi di gestione.

È bene considerare anche che l’alternativa al momento sarebbe un albero in plastica, anche questa scelta poco sostenibile: come conciliare quindi le antiche tradizioni con l’esigenza sempre più forte di una maggiore sostenibilità ambientale? La domanda rimane tutt’ora aperta.

albero-di-natale-roma-2016 - La Foresteria Roma Luxury Suites Fontana di  Trevi Bed Breakfast Guesthouse
laforesteriaroma

Immagine di copertina: ohga

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close