Search

Il mirto della Sardegna: un liquore tipico dell’isola 

L’Italia ha un territorio caratterizzato da un tipo di vegetazione tipica della zona della macchia mediterranea. Fin dai tempi antichi l’uomo ha utilizzato i prodotti della natura per la realizzazione di bevande che sono diventate parte della tradizione locale. Un esempio è quello del mirto di Sardegna che è oggi apprezzato in tutto il mondo. Italian Traditions vi porta alla scoperta di questo prodotto che è oggi un simbolo dell’eccellenza del territorio sardo. Inoltre vi parliamo della sua storia e delle sue proprietà. Infine vi spieghiamo come procedere per la sua preparazione.

Cos’è il mirto?

Il mirto è una pianta spontanea tipica della macchia mediterranea. E’ una pianta sempreverde appartenente alla famiglia botanica delle Myrtaceae. In Italia la sua presenza è molto diffusa nelle zone costiere del sud e nelle isole. In particolare la regione dove si registra una sua maggiore presenza è la Sardegna. Qui si utilizzano le bacche per produrre il liquore locale più famoso, ovvero il mirto. Il suo impiego non si limita però solo a questo ambito ma per le sue eccezionali proprietà officinali e aromatiche è impiegato anche ad usi blandamente terapeutici.

La sua storia

Il mirto è conosciuto e utilizzato in questi territori fin dai tempi antichi. La ricetta così come è conosciuta oggi risale al XIX secolo quando molte famiglie erano solite far macerare le bacche di mirto in una miscela contenente acqua e alcol. Nel 1994 grazie all’opera volta alla tutela e alla valorizzazione dei prodotti del territorio portata avanti dall’Associazione produttori mirto di Sardegna ha ottenuto una propria denominazione e un disciplinare di produzione.

Le sue proprietà

Le principali proprietà del mirto riguardano le sue capacità curative. Infatti questa pianta viene utilizzata fin dai tempi antichi per curare alcuni disturbi come quelli legati alla digestione. A tal proposito il liquore tipico sardo prodotto con le bacche di questa pianta aiuta a digerire nel modo corretto. Inoltre ha importanti proprietà balsamiche che la rendono particolarmente indicata per la preparazione di questo tipo di bevande. Dalle sue foglie viene ricavata un’essenza utilizzata in campo cosmetico mentre le foglie vengono essiccate e impiegate per insaporire le carni.

Come si prepara il liquore di mirto?

Il liquore di mirto si ottiene mediante la macerazione in soluzione alcolica delle bacche prodotte da questa pianta tipica dell’isola sarda. Il processo dura circa due mesi, al termine dei quali è possibile separare i frutti dal liquido. La sua gradazione alcolica è di 30 gradi e il suo sapore è contraddistinto dalle bacche di mirto utilizzate per la preparazione. Gli ingredienti che devono essere impiegati per poter ottenere circa tre litri di mirto sono:

  • 600 gr di bacche di mirto
  • 1 litro di alcol alimentare a 95 gradi
  • 2 litri di acqua
  • 500 gr di zucchero
mirto-italiantraditions

I prodotti tipici del territorio hanno un’importanza fondamentale per la valorizzazione e la conservazione del patrimonio naturale. Questi consentono di far conoscere a tutto il mondo le eccellenze regionali. Se volete conoscere altri prodotti tipici delle diverse regioni italiane vi consigliamo la lettura anche di questo articolo. Ora che conoscete il mirto di Sardegna non vi resta che assaggiarlo, se non lo avete ancora fatto.

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close