Search

Il castello di Sammezzano a Regello, esempio di orientalismo in Italia

Il territorio italiano è ricco di luoghi incredibili che si sono conservati nel tempo e che sono il simbolo dei fasti e della storia del passato del nostro paese. Uno di questi è il Castello di Samezzano. Questo si trova nel comune di Regello in provincia di Firenze. Italian Traditions vi porta alla scoperta di questo incredibile luogo. Racontiamo anche la storia del castello e del suo proprietario e fondatore Ferdinando Panciatichi. Infine spieghiamo come fare per raggiungere questa località e come fare per poter visitare la struttura.

Il Castello

Il Castello di Sammezzano è il più importante esempio di architettura orientalista presente in Italia. Oltre che appassionato della cultura e del mondo orientale, il suo fondatore era un grande esperto di botanica e per questo motivo decise di far realizzare un’ampia area verde intorno al castello. Questo è il cosiddetto parco Storico che ha un’estensione di circa 65 ettari. Qui sono collocate numerose piante rare ed esotiche. La loro funzione era doppia in quanto avevano il compito sia di abbellire gli spazi esterni che di accogliere il visitatore introducendolo gradualmente alle meraviglie del castello.

Il Castello con la sua imponente facciata domina la collina sopra Leccio. Su di essa vi sono rappresentati il sole e la luna. L’interno si compone di numerose sale che consentono di effettuare un viaggio virtuale in tutto l’oriente. In ogni stanza il marchese titolare del castello ha voluto ricreare un mondo che non ha mai visto realmente ma che ha conosciuto attraverso la ricerca e lo studio.

La sua storia e il suo fondatore

La nascita del Castello di Sammezzano si deve a Ferdinando Panciatichi che ampliò un edificio preesistente a partire dal 1843 dedicando la maggior parte della sua vita alla realizzazione di questo progetto, giunto a compimento nel 1889. Nel 1897 Ferdinando muore e il Castello passa in eredità alla figlia Marianna

Ferdinando Panciatichi nasce a Firenze il 10 marzo del 1813 dall’unione tra Pietro Leopoldo e Margherita Roselmini. Nel 1827 la morte dello zio Ferdinando Ximenes gli lascia in eredità i beni, il nome, lo stemma e i titoli della famiglia Ximenes D’Aragona. Tra l’eredità c’è anche la proprietà del Castello di Sammezzano. Ferdinando inizia a modificare le sale e la struttura esistente influenzato dalla corrente culturale e artistica diffusa in tutta Europa agli inizi del 1800 e conosciuta con il nome di Orientalismo.

Allo stesso tempo è stato sia proprietario che committente del Castello di Sammezzano. Anche senza una laurea specifica è stato ingegnere architetto e geologo. Alla sua morte viene sepolto in una tomba all’interno del Castello. Nel 1916 è stato traslato all’interno della Cappella del cimitero di Sociana.

Gli eventi al castello

Il comitato FPXA è nato per valorizzare la figura del marchese Ferdinando. Oggi organizza incontri e seminari che hanno lo scopo sia di presentare le bellezze della struttura sia di far scoprire questo personaggio che grazie alla sua genialità è riuscito ad arricchire il comune fiorentino di Regello di questo magnifico castello dall’elevato valore storico e artistico.

sammezzano-italiantraditions

Come arrivare e come accedere

Il Castello si trova nella regione Toscana all’interno del territorio del comune di Regello. In particolare è collocato nella frazione che porta il nome di Leccio. In auto è facilmente raggiungibile da tutta la penisola tramite l’autostrada A1. L’uscita per raggiungere la destinazione è quella di Incisa-Regello. La visita al Castello di Sammezzano è resa possibile dall’associazione FPXA. Chi intende accedere deve iscriversi ad apposite liste. Per il momento non sono programmate a breve nuove aperture.

La penisola italiana è ricca di tesori del passato da riscoprire. Grazie ad questi è inoltre possibile conoscere personaggi fondamentali per la storia della cultura del nostro paese. Se volete conoscere altre figure storiche importanti vi consigliamo la lettura anche di questo articolo. Ora che conosce il meraviglioso Castello di Sammezzano non vi resta che organizzare la vostra visita quando riaprirà le sue porte.

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close