Search

Tiramisù

Questo famoso dolce italiano ha origini molto incerte (vengono spesso contese fra regioni quali il Veneto, il Friuli Venezia Giulia e il Piemonte), e molte sono le leggende che gli ruotano attorno. La versione ufficiale colloca la sua nascita nel XVII secolo, a Siena, quando alcuni pasticceri, in vista dell’arrivo del Granduca di Toscana Cosimo de Medici, decisero di preparare un dolce per rendergli omaggio. Nacque così il Tiramisù, chiamato all’epoca “zuppa del duca”, proprio in onore di Cosimo, che portò la ricetta a Firenze e la fece conoscere in tutta Italia.

La versione non ufficiale narra, invece, che l’invenzione avvenne ad opera di un pasticciere torinese che volle prepararlo in onore di Camillo Benso conte di Cavour, per sostenerlo nella sua difficile impresa di unificare l’Italia. Anche il Veneto ha una sua versione in merito: sembra che il dolce sia stato inventato nel ristorante “el Toulà” di Treviso situato all’epoca nei pressi di una casa chiusa, e servito appunto per “tirare su” . Il nome “tiramisù” fa riferimento sia alle reali qualità energetiche proprie di questo dolce, che al suo presunto potere afrodisiaco.

Ingredienti

500 g di mascarpone

500 g di biscotti savoiardi

150 g di zucchero bianco

6 uova medie

8 tazze di caffè espresso

3 cucchiai di vino Marsala (opzionale)

Cacao amaro in polvere

 

Preparazione

Preparate il caffè e lasciatelo raffreddare completamente. Prendete le uova e separate i tuorli dagli albumi. Sbattete i tuorli con lo zucchero, fino a che non diventeranno spumosi. Unite il Marsala (se lo preferite), poi il mascarpone, e amalgamate fino ad ottenere una crema omogenea. Versate il caffè freddo in una larga ciotola; inzuppatevi man mano i savoiardi su entrambi i lati, velocemente, per evitare che si bagnino troppo, poi adagiateli sul fondo di una pirofila rettangolare, affiancati fra loro. Ricoprite i savoiardi con uno strato di crema, e ripetete l’operazione fino a formare degli strati alternati di savoiardi e crema. Terminate con uno strato di crema. Lasciate raffreddare in frigo per un’ora e, al momento di servire, spolverizzate la superficie con un velo uniforme di cacao setacciato.

L’Italia in una tazzina. A Italian Traditions la Campania profuma di caffè: assaporala nell’ IT5 della settimana.
Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close