Search

Otranto, la città più orientale d’Italia

Otranto è una cittadina che sorge sulla costa pugliese – presso Punta Palascia, il punto più estremo del Salento e il più orientale d’Italia, a cavallo tra Mar Jonio e Mar Adriatico – nella provincia di Lecce, ed è un rinomato centro turistico a livello internazionale. Al suo antico e splendido borgo è stato riconosciuto lo status di Patrimonio Culturale dell’Unesco.

Fonte: VOI Concierge

Il centro storico di Otranto, attraversato dal corso dell’Idro, conserva tutto il suo fascino antico, essendo a tutti gli effetti una città fortificata, chiusa dalle mura difensive che si aprono nella Porta Alfonsina. Nel cuore di Otranto sorgono numerosi edifici sacri di grande rilievo, come la cattedrale di Santa Maria Annunziata, risalente al periodo normanno, che sorge su resti di un villaggio messapico e su quelli di una dimora romana, dove sono conservate le reliquie dei Santi martiri di Otranto: 800 prigionieri che, nel 1480, furono decapitati dai Turchi di Maometto II per non aver voluto abiurare la fede cristiana.

Fonte: Dove Viaggi

L’arte oltre le onde di Otranto

Nel territorio di Otranto, inoltre, costituiscono un’attrattiva di notevole interessa anche la chiesa rurale della Madonna della Serra, le Catacombe di San Giovanni, di epoca paleocristiana, l’ipogeo di Torre Pinta, che fu sede della comunità dei frati Basiliani, e la Cripta di San Nicola, scavata nelle pareti rocciose della Valle della Memoria, con tracce di affreschi bizantini. Inoltre, lungo il litorale, sorgono numerose torri costiere, tra cui Torre Fiumicelli, Torre Santo Stefano e Torre dell’Orte.

Un luogo di grande attrattiva è rappresentato dalla Grotta dei Cervi, a Porto Badisco, che racchiude uno straordinario patrimonio pittorico comprendente centinaia di immagini di uomini, scene rituali, scene di caccia e animali di inestimabile valore storico e archeologico. Un’escursione è consigliabile anche presso l’ex Cava di Bauxite e il laghetto verde smeraldo, caratterizzata dal forte contrasto cromatico con il rosso delle pareti, nei pressi della Baia delle Orte.

Fonte: Viaggiamo

Otranto: le spiagge più rinomate

Complessivamente, Otranto fa riferimento a un litorale lungo 25 chilometri, tra i più belli della Puglia, che garantisce la presenza di lunghi tratti di spiaggia sabbiosa e alcuni invece di natura rocciosa, e parte del territorio rientra nel Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase, istituito a salvaguardia della costa orientale salentina e del patrimonio storico-architettonico, faunistico e floreale.

Fonte: Ritagli di Viaggio

La spiaggia più rinomata è quella della Baia dei Turchi, dove ebbe luogo lo sbarco dei pirati turchi che assediarono la città, con il suo splendido paesaggio incontaminato contraddistinto da spiagge bianche, dove non mancano tuttavia lidi attrezzati e punti di ristoro. Molto frequentata è anche la zona di Torre Sant’Andrea, con il suo susseguirsi di piccole cale sabbiose.

Fonte: Paesi Online

La tradizione gastronomica di Otranto

La tradizione gastronomica di Otranto, legata a quella salentina, offre una ricchissima scelta di piatti e specialità straordinari, dove i prodotti del mare e quelli della terra si uniscono in maniera davvero meravigliosa, grazie anche all’ottimo olio d’oliva. Il piatto più tradizionale è senz’altro “ciciri e tria”, preparata con grosse tagliatelle fritte e condite con brodo di ceci, ma altrettanto imperdibili sono le paste fresche condite con salsa di pomodoro, o sughi con carne di agnello.

Fonte: Cucina Serena

Ci sono poi la “taiedda”, preparata con riso, patate e cozze, la zuppa di pesce, e la zuppa di farro con lo scorfano e i frutti di mare. Tra le carni, tipici sono i “turcinieddhri”, gli involtini di interiora di agnello e di capretto. Meritano attenzione anche i dolci, tra cui la pasta di mandorle, il delizioso “pasticciotto”, fatto con pasta frolla farcita di crema pasticciera. Di grande rilievo anche i vini, tra cui il Primitivo e il Negroamaro.

Fonte: Agrodolce

Dove dormire a Otranto

La capacità ricettiva di Otranto garantisce ampie possibilità di pernottamento durante tutto l’anno. Oltre all’ampia scelta di hotel, si affianca una diffusa offerta di case vacanza e di B&B, e alcune suggestive soluzioni offerte da hotel di charme in antiche dimore storiche. Da provare l’esperienza di dormire in una delle numerose e affascinati antiche masserie salentine presenti nel territorio otrantino.

Fonte: Puglia e Dintorni

Immagine di copertina: Puglia.it

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close