Search

Avete visto l’installazione di Gaetano Pesce al Salone del Mobile 2019 di Milano?

Il Salone del Mobile 2019 è stato come sempre suddiviso nei due filoni paralleli composti dal Salone Ufficiale aperti agli addetti del settore e dagli eventi del Fuorisalone, aperti a tutti. In onore del Fuorisalone è stata installata in Piazza Duomo una monumentale poltrona a forma di corpo di donna nudo, evidente simbolo di denuncia contro le violenze e i femminicidi. Il corpo della donna, trafitto da centinaia di spilli, è stato ospitato dalla Piazza di Milano per tutta la durata del Fuorisalone e siamo certi che difficilmente verrà dimenticato, soprattutto per il contrasto netto tra consensi e dissensi che è riuscito a generare.

Salone del Mobile 2019 a Milano: l’installazione di Gaetano Pesce

Chiacchieratissima dai mass media, la scultura di Gaetano Pesce installata a Piazza Duomo in occasione del 58^esimo Salone del Mobile di Milano ha scatenato consensi e dissensi da parte dei visitatori giunti a Milano da tutto il mondo proprio per via dell’attesissima fiera. Il Salone del Mobile (9-14 Aprile 2019) è giunto alla sua 58^esima edizione e non smette di accogliere, ogni anno, migliaia e migliaia di nuovi appassionati. Padiglioni ed eventi sia aperti al pubblico che riservati agli addetti del settore, non hanno retto però il paragone con la tanto discussa scultura.

Il Salone del Mobile si suddivide sostanzialmente in due grandi esposizioni: il Salone Ufficiale che è riservato agli addetti del settore e il cosiddetto “Fuorisalone”, aperto a tutti gli interessati. Ed è proprio come fiore all’occhiello del Fuorisalone che è stata inserita in Piazza Duomo la scultura Monumentale a forma di poltrona di Gaetano Pesce.

L’installazione monumentale di Pesce per il Salone del Mobile

fuorisalone-2019

L’installazione monumentale di Gaetano Pesce realizzata per il Salone del Mobile a Milano è una rivisitazione della poltrona “UP5&6”, celebre oggetto di design italiano e marchio distintivo di Pesce e intitolata “Maestà sofferente”. La seduta è la riproduzione di un corpo di donna nudo e trafitto da oltre 400 frecce. L’installazione alta otto metri è stata volutamente provocatoria e d’impatto poiché considerata una denuncia al femminicidio e alle violenze e delle ingiustizie (rappresentate dalle frecce) delle quali la donna è costantemente oggetto da parte dell’uomo e della società.

Chi è Gaetano Pesce?

Quello di Gaetano Pesce è un nome conosciutissimo dagli amanti del settore dell’arredamento. Pesce è un architetto, scultore e designer italiano classe 1939. Ed è considerato uno tra i maggiori esponenti del design italiano nel mondo e le sue creazioni sono spesso volutamente provocatorie e sopra le righe. L’installazione monumentale per il Salone del Mobile in Piazza Duomo è stata infatti realizzata a forma di poltrona per celebrare il 50esimo anniversario della famosissima serie di poltrone UP, 7 poltrone realizzate da Pesce negli anni ‘60 in collaborazione con l’azienda C&B (oggi divenuta B&B).

Ma questa scultura piace o no?

La scultura di Gaetano Pesce è stata chiacchieratissima sia dai mass media che dai cittadini milanesi stessi. C’è chi è stato in grado di apprezzarne il messaggio comprendendo la voluta provocazione e c’è chi invece non ha apprezzato la “denuncia” perché, nonostante lo splendido messaggio, ciò che è stato utilizzato è comunque il corpo di una donna, reso poltrona o, se vogliamo, “oggetto”. Inoltre, molti ritengono fosse una grave mancanza l’assenza di volto e mani, poiché la violenza dell’uomo si accanisce spesso su queste due parti del corpo. Le femministe non hanno per nulla gradito l’opera, che è stata infatti contestata e discussa da proteste più o meno importanti, a partire dalle aspre critiche sui social.

Il Salone del Mobile rimane una delle fiere più importanti a livello mondiale per il settore dell’arredamento e ogni anno ospita migliaia di visitatori provenienti da tutto il mondo. Ora che siete al corrente degli eventi organizzati per il Salone del Mobile, non vi resta che acquistare i biglietti per la prossima edizione ed ammirare le installazioni più particolari.

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close