Search

L’Altopiano di Asiago, sette comuni e tante anime

Conosciuto per essere uno degli altipiani più grandi d’Italia e d’Europa, l’Altopiano di Asiago si distingue per la varietà di paesaggi e di attività che si possono svolgere. Dallo sport alla storia, al relax, questo luogo è l’ideale per un viaggio alla scoperta di sé e dell’incredibile storia che lo circonda, compresa la minoranza etnica e linguistica dei Cimbri.

L’Altopiano di Asiago, detto anche Altopiano dei Sette Comuni, è un vasto altopiano situato sulle Prealpi Vicentine, tra le province di Vicenza e Trento. È una delle località più eleganti per il turismo estivo e invernale, poiché la zona offre innumerevoli attività di diverso tipo – culturali, sportive o semplicemente rilassanti – a tutti i turisti, così da soddisfare tutte le esigenze. Il nome “Altopiano dei Sette Comuni” è dovuto ai sette comuni all’interno del territorio, ovvero Asiago (il più grande), Engeo, Foza, Gallio, Lusiana Conco, Roana e Rotzo. L’altitudine dell’Altopiano varia tra 87 e 2314 metri, presentando così una varietà di paesaggi e paesaggi.

Tra gli aspetti più curiosi che generalmente attraggono la maggior parte dei turisti, ci sono quelli legati alla prima guerra mondiale, dove l’Altopiano di Asiago ha svolto un ruolo strategico, e la minoranza etnica e linguistica dei Cimbri.

INformaCibo

Chi sono i Cimbri?


Vi state quindi chiedendo chi sono i Cimbri, questa misteriosa e affascinante minoranza etnica e linguistica che abita una piccola parte delle Alpi. Ebbene, si tratta di un gruppo etnico che si trova in alcune province alpine del nord Italia, nello specifico, nell’Altopiano di Asiago, la maggiore concentrazione è nel comune di Roana.

Sembra che la comunità dei Cimbri abbia origini bavaresi e che siano stati immigrati nel Veneto nord-occidentale durante il medioevo. Ad oggi i Cimbri conservano tradizioni e tradizioni e tratti distintivi come un forte attaccamento alla religione e la presenza di un tiglio al centro della piazza principale dei comuni cimbri, che simboleggia la giustizia.

Da un punto di vista linguistico, la lingua cimbra è una lingua germanica diffusa in tutti gli insediamenti cimbra. In quanto lingua minoritaria, purtroppo sta scomparendo ed è tutelata dalla Carta Europea delle Lingue Regionali o Minoritarie, ma anche da istituti che promuovono la lingua e la cultura cimbra, come l’Istituto di Cultura Cimbra “Agostino del Pozzo” e il Museo di Tradizione Cimbra a Roana.

Cimbri del Trentino: il fascino della loro antica lingua - La Trentina
latrentina

Altopiano di Asiago durante la prima guerra mondiale

Sempre nel comune di Roana si trova il Forte Varena, il luogo che sancì l’ingresso in guerra d’Italia il 24 maggio 1915 con un colpo di cannone. Posto al confine tra il Regno d’Italia e l’Impero Austro-Ungarico, l’Altopiano svolse un ruolo fondamentale nella guerra, essendone coinvolto – purtroppo – attivamente.

L’Altopiano di Asiago fu anche teatro della più grande battaglia di montagna mai combattuta nella storia, quando l’esercito austro-ungarico costrinse l’esercito italiano alla ritirata durante l’Offensiva di Primavera. I stimati 1,5 milioni di bombe che hanno colpito l’Altopiano durante gli anni della guerra hanno distrutto molte città, come Asiago, che è stata completamente rasa al suolo.

1918-2018: 100 ANNI FA FINIVA LA GRANDE GUERRA - Rai Easy Web
rai

Attività nell’Altopiano di Asiago


Una visita all’Altopiano di Asiago, quindi, può essere articolata e declinata in centinaia di modi diversi. Partendo dalla rilassante aria di montagna, dalle soleggiate giornate estive o dall’abbondante neve invernale, sull’Altopiano di Asiago non c’è proprio modo e tempo per annoiarsi o non stupirsi. Per gli appassionati di sport, questo posto ha tutto ciò di cui hai bisogno. Impianti di risalita e piste raggiungibili a piedi per gli amanti dello sci in inverno, ma anche lunghissimi sentieri per il trekking estivo o invernale (magari con le ciaspole) che regalano panorami mozzafiato ed impareggiabili. O, ancora, la possibilità di lunghi tour in mountain bike, per godere appieno dell’aria di montagna.

Gli itinerari della Grande Guerra: l'Altopiano di Asiago
siviaggia

Per gli amanti della storia, invece, non possono mancare di visitare importanti siti archeologici come Calà del Sasso, una scalinata di 4444 gradini con un dislivello di 810 metri, architetture religiose come il Duomo di Asiago, o importanti siti storici come il già citato Forte Varena, il cimitero di guerra, trincee e bunker della prima guerra mondiale.

Al via l'Asiagofestival
fsnews

Cover Image: asiagogo

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close