Search

Sciare in Toscana, un carosello di piste per sciatori di tutti i livelli

Il comprensorio di Abetone è molto frequentato, ma non rappresenta l’unica opzione per sciare in Toscana: il territorio vanta un carosello di piste, dal Monte Amiata al Doganaccia al Zum Zeri passando per Careggine e Castiglione di Garfagnana.

In Toscana, il comprensorio di Abetone è una delle mete sciistiche più frequentate, ma la regione offre anche una vasta gamma di opzioni per gli amanti dello sci

Lungo il territorio toscano, grazie all’Appennino tosco-emiliano, alle Alpi Apuane e al Monte Amiata, si estende un’ampia rete di piste ideali per sciatori di tutti i livelli, garantendo un’esperienza sciistica completa.

Dove sciare in Toscana?

La regione è conosciuta per le sue colline e le città d’arte, ma pochi sanno che la Toscana offre anche una straordinaria esperienza sciistica che non si riduce al comprensorio più conosciuto dell’Abetone.

Monte Amiata: una montagna da scoprire

Situato tra le province di Grosseto e Siena, il Monte Amiata offre panorami mozzafiato su Val d’Orcia, Val di Chiana e Maremma. Anche se noto per la sua ricchezza naturalistica e sorgenti termali, trasforma i suoi pendii in un paradiso invernale per gli amanti dello sci. 

Con un’altitudine massima di oltre millesettecento metri, il Monte Amiata vanta chilometri di piste di media difficoltà attraverso boschi di faggio e castagno. È la destinazione adatta a sciatori di tutti i livelli che amano lo sci alpino.

Grazie alle piste preparate sia per la tecnica classica che per lo skating e ai tracciati non battuti è un paradiso per chi ama lo sci nordico.

Foto : dal web

Doganaccia-Cutigliano tra sci e divertimento

Tra i Monti Pistoiesi, collegata al comprensorio dell’Abetone, la Doganaccia (frazione di Cutigliano) è una stazione sciistica con oltre dodici chilometri di emozionanti piste alpine, che si snodano tra distese erbose e foreste, adatte sia agli sciatori esperti che a coloro che si avventurano per la prima volta sulla neve. 

Oltre alle discese per lo sci alpino, sono disponibili itinerari escursionistici ideali per ciaspolate e sci, oltre a uno snowpark per gli appassionati di freestyle.

Per gli sciatori in cerca di svago serale, la pista dotata di illuminazione per lo snowtubing notturno si presenta come un’opzione di divertimento per adulti e bambini. 

Foto : dal web

Zum Zeri — Passo dei due Santi, la perla sciistica

È incastonata sull’Appennino tosco-emiliano al confine tra Toscana, Emilia Romagna e Liguria ed è una delle località più vivaci della zona: stiamo parlando di Zum Zeri.

Zum Zeri — Passo dei due Santi è un rifugio per gli appassionati di sport invernali. Questa località offre piste per sci alpino e snowboard che si estendono per chilometri e chilometri e una varietà di percorsi per gli amanti delle sfide più estreme. 

Gli appassionati di sci di fondo possono scivolare lungo un anello di oltre dodici chilometri mentre gli amanti della tavola hanno a disposizione uno snowpark.

La presenza di un parco giochi su misura rende Zum Zeri — Passo dei due Santi la meta è ideale anche per le famiglie.

La sua posizione remota permette di immergersi completamente nella bellezza incontaminata delle montagne, sfruttando una rete di itinerari escursionistici praticabili anche a piedi o con le ciaspole.

Foto : dal web

Careggine — Alpi Apuane, sciare tra la bellezza selvaggia

Le Alpi Apuane forniscono uno sfondo spettacolare agli sciatori mentre scendono lungo le piste ben tracciate dell’altopiano di Careggine, dai monti ai boschi fino ad arrivare ai laghi. Un’esperienza che unisce adrenalina e tranquillità in un connubio unico.

La stazione sciistica di Careggine dispone di cinque chilometri di piste per lo sci alpino, distribuite tra Formica e Monte la Cima. Le piste, accessibili anche ai principianti, regalano l’opportunità di sciare in un’atmosfera di totale relax.

Grazie a un sistema di innevamento artificiale, le piste possono essere godute anche quando la neve naturale è scarsa o assente. 

Oltre allo sci alpino, Careggine offre affascinanti itinerari fuoripista tra i boschi circostanti e cinque chilometri di piste per lo sci nordico, adatte sia alla tecnica classica che allo skating.

L’Altopiano di Careggine invita anche all’esplorazione con le ciaspole, offrendo la possibilità di immergersi nella bellezza selvaggia dei boschi e dei prati circostanti. 

Foto : dal web

Castiglione di Garfagnana, un’atmosfera autentica

Terminiamo il nostro viaggio a Castiglione di Garfagnana, una chicca nascosta tra le montagne dell’Appennino. Situato nella provincia di Lucca, con la sua altitudine compresa tra i milletrecento e i millequattrocento metri, il comprensorio sciistico offre una varietà di esperienze sciistiche.

Il comprensorio abbraccia due località, quella di Casone di Profecchia e quella di Careggine, offrendo la possibilità a chiunque di trascorrere la giornata sulla neve.

Dai neofiti agli esperti, dagli amanti dello sci alpino agli appassionati dello sci nordico, qui si trovano piste adatte a diverse abilità e preferenze degli sciatori.

La posizione del comprensorio offre non solo opportunità per gli sport invernali ma anche la possibilità di immergersi in un ambiente naturale e suggestivo. Il paesaggio circostante, con le sue valli e le cime delle montagne, contribuisce all’atmosfera unica e al fascino della destinazione, godendo al contempo dell’eccellenza della gastronomia toscana.

Foto : dal web

Sciare in Toscana, tra sport, cultura e cibo

La regione offre diversi comprensori sciistici, da quelli più grandi a quelli più piccoli, accuratamente organizzati e raggiungibili dai principali centri urbani. 

Sci alpino, sci nordico, snowboard e ciaspolate: la Toscana offre tantissime opportunità per gli amanti degli sport invernali. Inoltre, con la sua diversità di paesaggi montuosi, si presta a soddisfare le esigenze di chiunque cerchi emozioni sulla neve.

Non solo neve. Il territorio offre anche l’opportunità di esplorare alcuni dei centri turistici e storici più interessanti del centro Italia, creando una combinazione appagante tra sport invernali e ricchezza culturale.

L’inverno in Toscana offre un’ampia varietà di piatti caldi e robusti che riflettono la ricca tradizione gastronomica della regione. Si va dalla ribollita ai pici con ragù di cinghiale fino al lampredotto, terminando con cantucci e vinsanto. 

Copertina: dal web

Write a response

Добавить комментарий

Ваш адрес email не будет опубликован. Обязательные поля помечены *

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close