Search

Brachetto d’Acqui: un vino perfetto per una cena romantica

Quale occasione migliore di San Valentino per concedersi una romantica cena a lume di candela con la persona amata?

E perché non rendere tutto ancora più perfetto accompagnandola con un ottimo Brachetto d’Acqui? Ti sto suggerendo un vino di lusso dal profumo speciale, non molto alcolico e da consumarsi in versione vino o spumante.

Pensa che proprio il Brachetto, secondo i primi studi scientifici, è un eccellente vitigno che consente di ottenere vini base spumante.

La sua grande particolarità è quella di conservare splendidi aromi floreali, in particolare quelli della rosa, il fiore dell’amore.

Fa parte dei vini italiani che vengono prodotti in Piemonte e che, grazie al suo sapore frizzante ed aromatico, si adatta perfettamente ad ogni tipo di occasione, Festa degli Innamorati compresa.

Voglio svelarti anche che la storia di questo vino è molto antica e addirittura all’epoca dei romani, proprio nel territorio d’Acqui, se ne produceva un tipo ritenuto essere afrodisiaco: il Vinum Acquense.

Attualmente il Brachetto d’Acqui viene prodotto in ben 26 comuni piemontesi, divisi tra i territori di Alessandria e Asti e la gradazione ottimale per gustarlo è compresa tra gli 8° ed i 12° gradi.

Sono riuscita a stuzzicare il tuo interesse e vuoi conoscere meglio la sua storia? Allora continua a leggere e scoprirai anche quali sono i cibi ideali con cui abbinarlo, magari avrai qualche idea in più per iniziare ad organizzare una cena perfetta per il prossimo 14 febbraio.

Brachetto d’Acqui: dove viene prodotto e quali sono le sue caratteristiche

Ti piacerà sapere che il Brachetto, ormai noto anche oltre i confini italiani, viene prodotto da un vitigno da cui prende il nome e presente in alcune zone del Piemonte.

Ma non solo, i grappoli che danno vita al suo particolare sapore sono di un bel colore blu-violaceo e spesso coperti da uno strato di pruina che emana un inconfondibile profumo di rosa.

Forse non ci crederai, ma la produzione di questa bevanda è abbastanza limitata, in quanto le viti destinate alla sua produzione sono circa un migliaio.

È possibile degustarlo in due versioni:

  • Vino
  • Spumante

e la sua grande qualità è stata riconosciuta nel 1996, anno in cui ha ricevuto il prestigioso riconoscimento DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita).

Lo riconoscerai certamente dal suo colore rosso rubino o porpora, esaltato dai riflessi violacei e dal profumo delicato ed aromatico che lo contraddistingue.

Non appena avrai modo di assaggiare il Brachetto d’Acqui, rimarrai sorpreso dal suo gusto dolce, delicato e morbido, a cui si mescola quel tocco di frizzante insuperabile.

Rispetto a molti altri tipi di vino prodotti in Italia, questo presenta una gradazione alcolica contenuta per entrambe le versioni.

Brachetto d’Acqui

Brachetto d’Acqui: a quali cibi abbinarlo per stupire la dolce metà a San Valentino

Se la tua idea è quella di organizzare una cenetta romantica a casa, con tanto di fiori, candele ed una bottiglia di Brachetto d’Acqui, ecco qualche suggerimento sui cibi ideali con cui abbinarlo.

Potresti utilizzarlo per preparare un gustoso cocktail oppure un aperitivo, da servire insieme a manicaretti dolci o salati.

Ma il mio consiglio è di conservarne anche per accompagnare un delizioso dessert o gustose macedonie di frutta.

Che ne pensi se lo abbinassi a delle semplici fragole fresche? L’occasione mi sembra perfetta!

Sorseggiare il Brachetto associato a dolci da forno o crostate, credimi, è il massimo, il tocco finale che renderà la tua cena di San Valentino indimenticabile.

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Your custom text © Copyright 2018. All rights reserved.
Close